Aspettando Food Truck Fest 2016

Category: Eventi Tags: , , , ,

Golosi di street food di tutto il mondo, uniamoci! L’appetito vien mangiando e, dopo Eterna, abbiamo ancora voglia di take away: l’edizione “pic-nic” del Food Truck è alle porte. Voi siete pronti?

Dal 25 al 29 maggio si svolgerà una nuova edizione del Food Truck Festival. Per invogliarvi e rammentarvi cosa vi aspetta, facciamo un salto nel passato all’edizione del Food Truck 2015 e vi raccontiamo la nostra esperienza.

Il Food Truck Festival è il festival itinerante di street food tenutosi a Testaccio (Città dell’Altra Economia) dal 27 al 29 marzo 2015, che ha visto come protagonisti tanti addetti ai lavori nell’arte del cibo da strada, non solo romani. C’è da sottolineare che la tappa romana è solo una tra le molte in Italia. Noi siamo andati domenica nel primo pomeriggio con la speranza di evitare le prevedibili code per il pranzo, ma ci siamo illusi.

Ciò nonostante abbiamo potuto assaggiare diverse sfizioserie accompagnate da ottima birra alla spina intrigante con un finale agrumato ma morbido.

Citare tutti gli esercenti sarebbe stucchevole ma per i più esigenti qui potrete trovare la lista completa.

[masterslider id=”35″]

La Città dell’Altra Economia si presenta bene in una bella domenica in veste primaverile, musica dal dj set che si diffonde e i banchetti del consueto mercato a fare da perimetro per i trucks che occupano il cuore della scena.
Vogliamo essere sinceri e ricordarvi che la nostra mission è offrire il punto di vista del fruitore comune e non dei tecnici del cibo (cosa che non siamo), per cui come tali ci siamo comportati. Abbiamo sempre inteso lo street food come un modo di mangiare molto “easy” che nel corso del tempo è andato migliorando in qualità della proposta, marketing (il packaging, per esempio) e creatività.
Per cui, come forse farebbe il fruitore comune, abbiamo evitato le file interminabili agli esercizi più gettonati. Le file stile “musei vaticani” ci hanno dato la sensazione di snaturare questo spirito, rendendo faticoso l’approvvigionamento delle cibarie… e noi avevamo fame! Ci siamo probabilmente persi i migliori artigiani presenti, ma vi chiedo… voi che avreste fatto? Il take away è stare buoni tutti in fila per diversi minuti come alla posta?

Tutto quello che abbiamo assaggiato era molto buono, dai mignon di sfogliatelle frolle, ricce e pastiere napoletane, ai panini strabuoni allo sformato di verdure, dalle patate di gelatina servite al curry, il cibo da strada vegano, ai vari estratti di canapa, etc. Insomma, ce n’è per i palati di tutti i gusti!
Veniamo ai prezzi. La premessa a cui ci atteniamo ogni volta che ci accingiamo a degustare è una sola: la qualità va pagata al giusto prezzo. Di qualità ce n’era effettivamente tanta, ciò nonostante in alcuni casi il prezzo in proporzione alla quantità e al formato delle porzioni ci è sembrato eccessivo, trattandosi più di assaggi che di pasti. Per fortuna c’era anche qualche banco del mercato di prodotti a filiera corta e piccole realtà gastronomiche solitamente presenti la domenica in questo spazio.

In conclusione tutte le manifestazioni di “streeat food” che danno la possibilità di degustare e far conoscere nuove realtà gastronomiche sono le benvenute; pensiamo si possa migliorare e di molto la fruibilità, sia per ciò che concerne la gestione del flusso delle persone, che per quello che riguarda prezzi più abbordabili. In ogni caso, non possiamo che ringraziare chi organizza queste fiere e sperare ce ne siano sempre di più a Roma.

Our experience at Eterna (whose recent post was published just a few days ago, althought the event took place in April) stimulated our taste buds to the point that now we cannot but impatiently wait for the Food Truck Festival. The waiting is not long but gave us the opportunity to remind the edition of 2015 and what we wrote about it afterwards. It’s a good chance to refresh our memory about the amazing food we’re going to enjoy again, in less than one week!
The Food Truck Festival took place at Città dell’Altra Economia, in Rome. First, please note that the festival will stop-over in many other cities in Italy.
We arrived early in the afternoon hoping to avoid the big crowds, but unfortunately we didn’t succeed.
However, we were still able to have a bite to eat and to wash it down with a pint of delicious draft beer.
As said, the crowd was huge that day. Loads of people were queueing in front of the most reknowned trucks… and in our opinion this was a little contradicting the spirit of the take away, its nature of “easy-going” street food. We were not at the post office in the end. Therefore, we skipped the popular trucks to get our meal at a few quieter ones. We did well: first because we were starving and we managed to eat at a reasonable time, and secondly because the quality of the food was by no means disappointing. We stopped at a neapolitan truck to have the legendary pastries “sfogliatelle” (frolle e ricce, as they are called, whereas the “frolla” shell is a kind of shortcrust and the “riccia” shell resembles – slightly – the puff pastry) and the mignon “pastiere” (a typical Naples cake, filled with ricotta cheese, candied fruits, and chocolate drops). We also had a dish of curried potatoes and tasted some vegan specialties prepared with hemp products. Everything was well cooked and delicious. What about the prices? We strongly believe that quality is something you have to pay for and we accept to pay what quality deserves. We just had the feeling, at times, that portions might have been bigger for the price we paid, since in some cases it was not even possible to define them “meals”.
That said, we welcome any new initiative that shares the Italian excellence with whoever possible taking it here and there: we just hope that measures will be taken to avoid the big crowds and make the day enjoyable for everyone, plus that prices will be more largely affordable.