Halloween… da mangiare!

Category: Food Highway Tags: , , , , , ,

Da che nessuno conosceva e festeggiava Hallowen, prerogativa dei paesi anglosassoni, da qualche anno anche in Italia è Halloween-mania e le idee per snack veloci (e mostruosi) si moltiplicano.

Da quando Halloween è diventata una festa così internazionale?

Chi lo sa: si è perso il conto degli anni in cui ottobre esplode di nero, arancione e viola portandosi un bagaglio di mostri, feste in costume e zucche intagliate. Di sicuro è un fatto abbastanza recente e non solo italiano, visto che la mania Halloween sembra scoppiata un po’ ovunque.

Sarà forse paradossale, ma il riscoperto interesse per questa festività (tutto sommato secondaria) in Paesi in cui se ne era solo vagamente sentito parlare ha contribuito a rilanciarla anche nei Paesi anglosassoni, dove fondamentalmente è sempre esistita.

La differenza è che mentre un tempo Halloween si festeggiava con qualche sparuta decorazione nelle vetrine dei negozi o sfilata in costume, mentre le combriccole infantili erano  impegnate nel trick or treat, ultimamente anche in Inghilterra, America e Irlanda fioriscono tutorial, post di blog e ricette dedicati al mostruoso mondo di Halloween dell’aldilà e dell’occulto.

Ispirazioni al successo delle quali ha contribuito, senz’ombra di dubbio, anche la cassa di risonanza offerta dai social networks.

E così ci troviamo il web invaso da dolcetti, snack, pietanze e persino interi menù costruiti intorno all’idea che anche il cibo debba adeguarsi all’atmosfera macabra e terrificante che caratterizza questa festa mostruosa, magari con colori shock e nomi altisonanti. Una semplice vellutata di piselli può essere tranquillamente ribattezzata “calderone della strega”, una caraffa di succo d’uva é il “sangue di vampiro” e così via.

Per non parlare della profusione di pasta di zucchero iper colorata o degli artificiosissimi frosting dei cupcakes, con i quali la povera tortina viene soffocata in quintalate di creme dai colori improbabili. Ma sottk cosa c’é?

Sicuramente d’effetto, i dolcetti così decorati colpiscono l’occhio e d’accordo che vuole la sua parte, ma anche in queste occasioni al foodie intransigente piacerebbe bilanciare l’apparenza rivestendo anche il gusto della sua importanza. E poi, se per creare l’effetto decorativo vi affidate solo alla pasta di zucchero, “vi piace vincere facile”… ma la creatività dov’è?

Molto meglio utilizzare ingredienti comuni e genuini sfruttandone colori e consistenze, allo scopo di preparare mostriciattoli di Halloween carini, sì, ma anche buoni. In questo, ad esempio, vi aiuterà la pasta sfoglia: basta tagliarla a striscioline e con esse rivestire, in modo casuale,  una piccola tavoletta di cioccolata o una salsiccia, e avrete pronti saccottini o hot dogs a forma di mummia.

Perfetta è anche la meringa: con una bocchetta liscia, create tanti ossicini e un teschio e disponeteli a formare uno scheletro. Sarà divertente e gustoso smontarlo poco a poco sgranocchiandone i pezzi…

Un’altra idea? La vostra torta al cioccolato preferita può essere sbriciolata a formare una montagnetta di terra, pronta a ospitare biscottini o meringhe a forma di croce, ed ecco pronto un (dolce) cimitero casalingo.

Se poi amate il bricolage e vi siete cimentati nell’impresa di intagliare Jack-o-lantern, passato il giorno fatidico vi troverete con qualche chilo di zucca cruda da smaltire. Tra una delle solite ricette e un’altra, ve ne avanza ancora un poco? Ecco pronta un’ottima bevanda copiata a quei colossi di Starbucks: una cucchiaiata di polpa di zucca cotta, una tazzona di latte caldo, un espresso, un pizzico di spezie come zenzero, noce moscata e cannella, zucchero a piacere e vi ritroverete con la vostra personalissima versione del pumpkin spice latte.

Se vi procurate un bicchierone di carta come quello che vi forniscono loro, diventa anche take away!