Passeggiata da Pizza Rustica ad Alice Pizza

Visitato 527 volte, 1 Visite oggi

Via Flaminia, 24, Roma, 00196 RM, Italia

http://www.alicepizza.it/

Guarda sulla Mappa

Pizza al taglio nel 2016 significa coniugare tradizione ed innovazione, qualità e leggerezza dentro un packing accattivante. Pizza Rustica e Alice Pizza cercano di rappresentare al meglio tali virtu’.

Pizza rustica a Roma. Il momento di scegliere è arrivato. Volete fare il solito giro turistico preconfezionato o magari prendere tutto con calma e guardarvi bene intorno? No, perché usciti dalla metro A di piazzale Flaminio il primo impulso sarebbe di correre verso Piazza del Popolo e il suo obelisco (ehm, okkio quando attraversate la strada se non volete che il Muro Torto venga ribattezzato Muro Morto).

Dopodiché scegliere se prendere via del Corso o salire sul Pincio. Noi vi proponiamo di depositare momentaneamente queste legittime aspirazioni in un comodo anfratto della vostra mente…lasciate fare a noi. Ecco, allora, dove potete mangiare la pizza a Roma centro. Uscite dalla metro di Piazzale Flaminio e seguite le rotaie del tram 2 che parte proprio da lì. Esse vi condurranno verso via Flaminia civico 24, ovvero Pizza Rustica. Noi siamo entrati seguendo il criterio “più gente c’è più è buona”; non crediate però che siamo così ingenui da non sapere che “locale piccolo crea folla grande” o che non ci sia differenza tra un esercizio in mezzo al nulla ed uno immerso nella concorrenza di altri locali che trattano la stessa merce (se la nobile pizza può sopportare tale sostantivo). Questa pizzeria si trova in una zona piena di take away di tutti i tipi ed il fatto che sia presa d’assalto, per quanto detto sopra, ci ha indotto a curiosare fra le sue proposte. Il consiglio è di assaggiare di tutto e di più. La pizza è di altezza medio bassa con abbondanza di condimento senza scadere nella qualità. Abbiamo provato quella rossa con i funghi che era veramente croccante e gustosa, quella con i gamberetti dal piacevole sapore fresco estivo e quella ripiena con speck e stracchino, inoltre tra le ripiene segnaliamo un classico con bresaola, rucola e grana e c’è anche alla mortadella. Tutte possono tranquillamente definirsi sopra la media e meritano di essere addentate. La cucina è a vista e il personale è sempre cortese anche nelle ore di punta. Non mangiate troppo perché dovrete assaggiare anche Alice Pizza proprio a pochi metri da via Flaminia, dove si gira per Via degli Scialoja, 4D.

Piccina ma amatissima data la strabordanza di umanità che sta in fila all’ingresso. Niente paura!! strappate il numeretto elimina code e attendete fiduciosi il vostro turno. Alice pizza è un franchising. A Roma ne abbiamo tanti altri nel settore come ad esempio Mondo Arancina. Per quanto trattino gli stessi prodotti noterete che ognuno ha il suo stile e che esistono differenze anche grandi nella gestione di un franchising. Questa Alice pizza è veramente ottima sia nella velocità/organizzazione del lavoro sia, cosa più importante, nella qualità dei suoi splendidi manufatti lievitati. Visto il periodo invernale e la voglia di confrontare pizze simili ci siamo cimentati ancora una volta con lo speck stavolta abbinato alla provola in una pizza classica. Due modi di vivere lo speck ma entrambi buoni. Quella di Pizza Rustica è una ripiena ed è saporita anche fredda mentre quella di Alice è da gustare rigorosamente calda. A portar via ve la ripongono in un pratico vassoietto di cartone. La pizza patate e mozzarella è sublime e si scioglie in bocca. Merito della lievitazione e delle patate tagliate a dadini più che a rondelle. La consistenza rimane più persistente in bocca. Il vostro mantra sarà “pizzerie-piazza del popolo-roma”, solo allora vi inoltrerete in quel delirio di monumenti e shopping. Noi vogliamo indurvi a fare due passi fino a Valle Giulia, famosa per la sua facoltà di architettura, il Museo Etrusco e il Museo d’Arte Moderna a due passi da Villa Borghese.
Sarebbe bello immaginare di passeggiare con Joan Osborne per un pic-nic vicino alBio-Parco, pensando che lei non è altro che One of us e noi non siamo altro che un Dio in mezzo a noi stessi. Forse mangiando la pizza questo astruso concetto apparirà più chiaro… basterà pronunciare take away Rome Italy e tutto sembrerà più yeah!

DA NON PERDERE: Pizza speck e stracchino o/e speck e provola!!!

There is that moment in Rome when you take the Line A (orange) and you are tempted to get off and have a look at every station. It goes across the centre and it’s all a sequence of famous locations whose evocative names are mentioned one after another on the underground route. Spagna? Yes, Piazza di Spagna is there. Barberini? That’s Piazza Barberini, and Via Veneto (Dolce Vita!!!) is just round the corner!… and so on. There’s one – Flaminio – which doesn’t evoke anything, yet it brings you to some other interesting attractions, Piazza del Popolo in the first place. You cross the street and it’s there, then you can decide to take Via del Corso, which leads you to the very center, or either have a stroll at Pincio. This is what most people do. However, are you really into it? We can suggest you a valid bunch of options, if you wish to follow one piece of advice.
First of all, we found two nice pizzeria in the area. Strange, isnt’it? 😉

Our food tour started with Pizza Rustica, a small shop located in via Flaminia. We found it by chance, following our istinct in part, and having a look at the queue in front, for the other part. Ok, the second more than the first. It’s true that a small shop gets easily crowded, we are not that naive; still, we had no other choice but trust our fellows Romans in an area where take-away is the rule (for the abundance of offices, thus salary men, and tourists). Not really impressed by the appearance of the pizza, we were surprised at how delicious it was. The pizza is more crunchy than fluffy, and extremely rich in condiments. We had our nice time with a slice of funghi (mushrooms) in red, that is, on their bed of tomato sauce (it is more common to find it without), and a good pizza ripiena with stracchino and speck, a typical sweet-and-strong combo.

It seems that speck was actually our leit-motiv for the day, as we chose a speck-based pizza even in the other shop, Alice. Speaking of this pizzeria, a little digression is needed, as we are in a franchising chain shop and often people have little consideration of them. We don’t totally agree and honestly consider this a prejudice. It is true that owning a franchise shop means having your freedom limited somehow, and that certain rules must be necessarily followed; however, different shops have a different character. It is stated on Alice’s website itself, when they say (in Italian) that small differences can be found in the menu, according to the area they are located in: lighter pizzas near offices and business areas, for a filling yet light lunch, more creative pizzas where young people usually meet up. Differences that clearly explain how even chains are becoming more customer-oriented and are updating their concept of “being in a franchise”. It is a little innovation that we appreciate and we hope it can change people’s mind on this topic. Secondly, whatever people may say, it is also true that what make a good pizza is the hand of the people in the kitchen, and it changes shop by shop. Thus, for now we give our review on Flaminio’s Alice, keeping a question mark on the others – that we will taste, one day or another. At Flaminio’s one, as we said, we had a speck-based pizza as well. This time it was well combined with provola, a lighter version of the more famous provolone, which is richer in taste (and calories).

We believe it would be fun for you too, to taste the same ingredient in more than one variation to verify how it expresses itself better. Another difference reside in the fact that stracchino+speck should be eaten cold, whileprovola+speck is at its best when warm. So, a lot of elements contribute in making your pizza the best you can have: quality of food and atmosphere of the shop are not to mention, but the season and the weather can exercise an influence too. And now, a few hints on what to do after. If you are tempted to climb the stairs up to Pincio, then do – better at sunset, to take one of the most scenographic pictures of your trip, we are sure. Then, venture into Villa Borghese and enjoy the silent peace of one of the biggest parks in Rome. You can either book a visit at Galleria Borghese, or get to the other side, to Villa Giulia and its interesting Etruscan Museum; or walk a bit more to the Modern Art Gallery, the top destination in the area: don’t miss it! Strange to say, it’s also the most appropriate destination to recommend on a blog like ours: National Modern Art Gallery in Italian is Galleria Nazionale d’Arte Moderna, or GNAM… our word for “yum”. Last piece of advice is for Japanophiles only (er, yes: I am). Next to the Gallery there is via Antonio Gramsci, where the Japanese Culture Center is located and, if you are lucky, you can find a calligraphy exhibition and so on. For free.

The perfect soundtrack: what if Joan Osborne could walk hand in hand with the many kids that head to the Bio-Parco, like One of us?

Pizza rustica and Alice highlights: Pizza stracchino e speck OR speck e provola. Or both!

Related Listings

Via Flaminia, 24, Roma, 00196 RM, Italia

Pizza al taglio nel 2016 significa coniugare tradizione ed innovazione, qualità e leggerezza dentro un packing accattivante. Pizza Rustica e Alice Pizza cercano di rappresentare al meglio tali virtu’. Pizza rustica a Roma. Continua…

Aggiungi una recensione

Rate this by clicking a star below: